L’ultimo impianto realizzato nel mondo Virtus è la Segafredo Arena: un padiglione della Fiera diventato un elegante palasport capace di ospitare, quando possibile, oltre 9 mila spettatori. In 150 anni di storia la Virtus ha letteralmente abitato a Bologna, perchè tanti edifici della città sono diventati sede di allenamenti e gare, a partire dall’ex Chiesa di Santa Lucia, in via Castiglione, oggi Aula Magna dell’Università, che dal maggio 1873 fu la prima palestra bianconera.

Ma già per il trentennale delle celebrazioni della società, nel 1901, per ospitare gare di ginnastica e giochi atletici, e anche un torneo di calcio, con 59 squadre presenti, fu realizzato uno Stadium  nella attuale Piazza VIII agosto: una struttura rettangolare in stile greco, un gioiello realizzato dal professor Tito Azzolini. Tra la piazza e la Montagnola le tribune arrivarono ad ospitare per la giornata conclusiva 8 mila persone.